Uncharted

Henry Miller scrisse “una destinazione non è mai un luogo, ma un nuovo modo di vedere le cose“. E’ fatta, domenica ha vinto l’Europa, di nuovo. Siamo salvi, i populismi sono stati sconfitti. Ancora una volta, siamo sopravvissuti, ora il futuro è più roseo, o sarebbe meglio dire più blu. O no?

Si sono concluse positivamente le tre settimane di impegni elettorali che vedevano interessati prima di tutto la Francia, col rinnovo del Presidente della Repubblica e in secondo luogo la tornata elettorale delle primarie del Pd che hanno visto (stra)vincere Matteo Renzi. Prima di tutto, Macron.

La storia del neo-presidente la conosciamo più o meno tutti. 39enne, è diventato ora il più giovane presidente della Repubblica in un modo…bizzarro. La sua entrata nella piazza del Louvre con in sottofondo l’inno alla gioia ha ricordato ai più nostalgici la passeggiata di Mitterand verso il Parlamento quando fù eletto. Un socialista e colui che ha condannato a morte i socialisti. I veri sconfitti di queste elezioni presidenziali, ricordiamoci che non si è votato per il parlamento domenica, sono proprio loro; dopotutto è un trend non solo nazionale. In tutte le elezioni che fin ora si sono svolte in Europa, pensiamo all’Olanda, all’Austria e torniamo indietro di circa un anno al disastroso risultato del referendum britannico, i socialisti hanno perso elettorato sia alla loro sinistra che verso la parte centrista dell’arena politica. In Francia questo è stato molto evidente anche grazie al tipo di legge elettorale, il doppio turno maggioritario uninominale per l’elezione del Presidente.

C_ZGe_IU0AAknZk.jpg large.jpg
Mappa elettorale del primo (a sinistra) e del secondo turno (a destra) in Francia. Fonte: Economist

L’intera campagna elettorale di Macron si è incentrata su uno scontro aperto, verso tutti. Consapevole del fatto che doveva lui erodere gli elettorati altrui, ha fatto l’esatto contrario di ciò che ultimamente sembra far vincere quasi tutti. Ovvero rifiutare le logiche di gioco populiste. Ha impersonato se stesso giocando pulito, argomentando le sue ragioni, difendendo l’Europa e proponendosi come unica alternativa politica ed elettorale a chi dice no a tutto. E indovinate un po’, ha vinto. Tutto questo, diciamocelo, è stato possibile anche per il fatto che dietro al candidato-leader non c’era la struttura tipo dei classici partiti, e forse è anche per questo che En Marche ha convinto gli elettori francesi. Il socialisti sono stati incapaci di reagire, facendosi trasportare, tanto per cambiare, dalla “sinistra più a sinistra” che ha letteralmente affossato il Ps debole di retorica e di un agenda politica seria. Dall’altro lato, ha retto paradossalmente di più l’elettorato del centro-destra (trend non solo francese) consapevole del fatto che, guardando più da vicino, Macron potrebbe anche portare avanti le loro posizioni.

 

Il problema è che, ora, in vista delle elezioni politiche, le cose sembrano non essere così chiare come lo erano domenica. En Marche finirà per diventare un partito e nessuno sa cosa potrebbe accadere e quale maggioranza uscirà dalle urne. Una cosa è certa. Ce ne sarà una, il sistema elettorale francese, ancora una volta, salva dall’immobilismo partitico il paese e garantisce sempre un “responsabile”. Sarà da capire cosa il Ps farà, se cercherà contatti con “la sinistra più a sinistra”, se andrà avanti da solo, se non farà nessuna delle due. Marine Le Pen ha già avvertito che cercherà di fare un rassemblement della destra nazionalista in modo da quanto meno superare quel 12,5% del primo turno per poter accedere alla vera partita del secondo (ricordo, per le politiche non si tratta di un ballottaggio, ma di un vero e proprio secondo turno). Tutto sarà più evidente quando Macron svelerà il Primo Ministro.

A casa nostra, tanto per cambiare, le cose sono un po’ più complesse. Renzi viene riconfermato Segretario del Pd (se qualcuno non se ne fosse accorto si era dimesso) e ora il partito sembra cercare di trovare più coesione e sicurezza, soprattutto per il fatto che Raggi & company a Roma stanno amministrando disastrosamente e la scusa del “ma è appena arrivata” non regge più tra la gente. Renzi vince e convince perchè prima di tutto è Renzi. E’ quello che si è dimesso dopo aver perso il referendum, è quello che si è rimangiato la promessa del “se perdo lasco la politica”, è quello che dice “sì ma” all’Europa senza una vera e propria linea da seguire. E’ uno dei tanti che ora salirà sul carro dei vincitori e si scoprirà essere europeista dalla nascita. In realtà lui lo è stato, in parte. Il successo delle europee del 2014 gli ha consegnato fama e vittoria. La sua dialettica sull’Unione europea è sempre stata ambigua ma di certo non contro l’Unione, piuttosto dire io consapevole del fatto che l’Italia non ha molta libertà di movimento in Europa in un momento in un momento in cui si colleghi e funzionari cominciano ad essere stufi del “chiediamo più flessibilità”. Lo scenario peggiore, possibile tutt’ora, che ci aspetta ha dell’apocalittico: (non)vittoria dei pentastellati a marzo 2018, fine del QE di Draghi e debito alle stelle, commissariamento del Governo, politiche economiche restrittive e tagli. Tutto questo, sappiatelo, se avverrà, non sarà colpa dell’Europa.

La sfida di Renzi, della sinistra, dei socialisti e degli europeisti in Italia sarà quella di provare a salvare il salvabile. L’unica vera e possibile alternativa fino ad ora di un percorso dubbioso, cupo e poco convincente che una certa parte della politica continua a predicare senza rendersi conto che la retorica populista così come è arrivata, sembra se ne stia andando. Di certo, non consegnare un paese in mano a chi dice falsità e vuole tornare al medioevo è già di per sè un successo. Ma, mi chiedo, e se chi combatterà questa alternativa occuperà questa nuova linea di frattura sociale solo per ottenere il consenso elettorale e poi si spostasse su altri percorsi? Se la vera sfida fosse non tanto sconfiggere i populisti, ma pensare ad un programma di lungo termine fatto di proposte politiche, fondato sui bisogni della società che verrà, in grado di porsi come soluzione dei complicatissimi scenari che dovremo affrontare in futuro?

Io tutto questo, ora non lo vedo. E questo mi preoccupa molto più dei Trump, Le Pen, Salvini & co messi insieme.

Annunci

Voti a perdere

Storia triste di una realtà dove i cittadini (non) hanno ragione.

Le ultime tornate elettorali in Europa hanno detto molto. Ma è molto più interessante provare a capire cosa non hanno detto. Teoricamente, è abbastanza semplice capire chi vince, non altrettanto chi perde. E soprattutto perchè. Per esempio, mi chiedo, perchè la sinistra non vince? Perchè i partiti aderenti al partito socialista europeo disperdono il loro elettorato una volta verso i verdi, l’altra verso i populisti, l’altra verso una sinistra più sinistra, l’altra verso i liberali. Eppure, quasi tutti rispettano i canoni di democrazia interna e indici di buona democrazia, penso alle primarie, al dibattito interno, alla formazione politica. Dov’è che sbagliano?

Ora, prendiamo in ultimo caso l’Italia perchè noi siamo un caso a parte, ma qualcuno mi spiega perchè il partito socialista in Francia ha preso il 6%? In Olanda il 9? Gli elettori di centro-sinistra si riposizionano su candidati spesso senza un sistema partito così complesso come quello di appartenenza; indice di sfiducia nella macchina partitica? Io non credo. Io credo che il centro-sinistra perde consensi perchè sta lottando contro il nemico sbagliato. I partiti di centro-sinistra stanno dividendo il loro elettorato, sfracellando la loro cultura politica a causa della nascita di partiti populisti, udite udite, alla loro sinistra. Sì perchè essere populisti non vuol dire mica essere di destra, o di centro, o di su o di giù. Vuol dire raccontare il falso, fare supposizioni su una realtà che non è quella nella quale viviamo. Vuol dire raccontare frottole. Non si tratta di un’idea politica, si tratta di prendere il potere e fare quello che si vuole. Se notate, non accade il contrario. Ovvero, i partiti di centro-destra non dialogano, non sentono competizione, non calcolano nemmeno i partiti alla loro destra. Solo considerati fuori dalla competizione per l’arena politica. Abbiamo esempi di tutto questo ovunque, ultimo tra tutti in Francia, dove sì, i Repubblicani hanno perso consenso e non sono passati al ballottaggio, ma il sistema partito ha retto. Gli elettori hanno, più o meno, votato Fillon, e si che su Fillon mica giravano voci tanto rassicuranti. Il partito repubblicano francese è quello che ha “meglio” reagito, quello che ha perso di meno. Almeno, in queste elezioni presidenziali, bisognerà attendere giugno per capire effettivamente quale maggioranza avremo in Francia. Ma lo stesso accadde anche in Olanda, il primo Ministro uscente ha traghettato il partito verso una campagna elettorale sobria, senza grandi uscite, senza promesse apocalittiche. L’elettorato ha retto.

Cosa c’è che turba tanto il cittadino medio che vota a centro-sinistra? Cos’è che gli fa pensare che ora quel voto sarebbe inutile ed è meglio votare un altro candidato, addirittura in competizione con lo stesso partito? Ma soprattutto, ha senso?

La logica del meno peggio, del voto lui perchè non c’è alternativa non può essere la base di una scelta elettorale. Ma è la verità.

La mia domanda, l’ultima prometto, quella che ho timore a fare è: E se questi candidati avessero solo riempito un vuoto lasciato da qualcun’altro? Votare implica responsabilità.

 

 

Il mio account di WordPress/Gravatar: riccardo_msc93
La fanpage di Point of View su Facebook: Pointofview500
Tutte le Info sul blog le trovate qui: info
Contatti e tutto quello che c'è da sapere di me: Contacts - About
Il mio account di Twitter: Riccardo_msc93
Il mio account di Instagram: riccardomsc
Il mio blog dedicato alle foto: Riccardo Moschetti

Per qualunque tipo di richiesta, la mia mail è: moschettiriccardo@yahoo.com
PointofView by Riccardo Moschetti

Marchons

E’ una parte dell’inno francese, la Marsigliese; tranquilli non ho sbagliato a scrivere Macron. Ma, con calma. Ci arriviamo.

Non esagero se dico che oggi è una delle giornate più importanti dell’anno per noi europei. Questa domenica in Francia si vota per il primo turno delle elezioni Presidenziali. I due candidati che avranno raggiunto maggiore consenso si sfideranno poi, tra due settimane, al ballottaggio per decretare il prossimo Presidente della Repubblica francese. Il sistema politico transalpino prevede che la massima carica sia non solo il rappresentante del paese (così com’è ora Sergio Mattarella), ma sia anche l’uomo politico che dovrà dettare l’agenda politica per i prossimi 5anni. E’ grazie a Charles de Gaulle che questo avviene. L’elezione diretta del Presidente infatti non era prevista nella modifica della Costituzione che diede vita alla V Repubblica (in Italia si parla di II ma solo perchè il sistema partitico è collassato, peraltro per questioni giudiziarie non certo per rivoluzioni civili, dicitura comunque non corretta in quanto non abbiamo avuto alcun cambiamento radicale; noi della Costituzione). Non mi fermerò nei dettagli, ma ho avuto il piacere di scrivere molto sulla Francia e sul suo modello istituzionale/politico e non nascondo che lo reputo uno dei migliori per amministrare quel tipo di paese. Sottolineo la cosa in quanto ribadisco che non esiste un sistema perfetto, un modello benchmark per tutto il mondo. Gli stati sono la complessità di una società, di diverse culture, di usi e stili di vita che non possono essere messi in secondo piano quando si pensa al loro funzionamento ed amministrazione. Questo forse, qualcuno deve ancora metterselo bene in testa.

Veniamo ad oggi. Oggi dicevo, è una giornata fondamentale per il futuro non solo della Francia, ma dell’Unione Europea così come la conosciamo. In realtà “così come la conosciamo” è un eufemismo considerando che, così come la conosciamo l’Ue ora è composta da 28 paesi, presto saranno 27. E io credo fermamente che se qualcuno oggi dovesse perdere, badate come purtroppo oggi in politica non conta vincere, ma conta di più chi non vince; dicevo, se qualcuno dovesse perdere beh, potrebbe essere decisamente a rischio anche quel 27. La specificità della Brexit, la sua storia e il passato non possono cancellarsi e tanto meno essere dimenticati, ne ha parlato proprio in questa sede una bravissima ragazza (ricordiamoci che l’Ue c’era prima e, mi auguro, ci sarà anche dopo l’uscita della Gran Bretagna). La battaglia politica sulla quale oggi i cittadini francesi dovranno decidere è la seguente: scegliere chi vuole provare a migliorare l’Ue, il suo funzionamento e la posizione della Francia stessa all’interno, o tra chi pensa che il mondo possa anche tornare indietro, chi crede che senza badare alla storia e ai fatti, si possa proporre uno scenario che non si è mai visto in tutta la storia dell’umanità: regredire. Perchè è questo di cui stiamo parlando oggi. Siamo davanti a chi cerca soluzioni che quanto meno tentino di farci progredire e chi invece vorrebbe tornare indietro nel tempo per non permettere che certi,secondo loro, errori non siano ripetuti. Oggi il dibattito politico è tra chi cerca di dare una spiegazione ad un difficilissimo contesto internazionale, e tra chi rifiuta perfino di riconoscere tale contesto e dire “Noi andiamo da soli”. Ma come si può andare da soli in un mondo globalizzato?

La cosa che più mi incuriosisce non è tanto la mancanza di contenuti, o di cultura politica, ne sono afflitti tutti, destra e sinistra, centro e estremisti, riformisti e nostalgici; non c’è alternativa. Non viene spiegato, per esempio, quale sarebbe l’alternativa all’Unione Europea. Non viene spiegato quale sarebbe l’alternativa, possibile ovviamente, per mantenere stabilità, pace, progresso sociale, sviluppo economico in un mondo in cui non ci si parla, ognuno va per la sua strada. C’è davvero chi pensa che costruendo un muro siamo più sicuri? O vietando qualcosa? La storia, non io eh, vi è contraria. E non penso che la storia dica tante cazzate, qualcuno può aver anche provato a manipolarla, ma i fatti sono fatti. La scelta politica non c’è al momento. E’ questo il dramma. Perchè anche se vincesse col 90% dei consensi Macron, cosa che mi auguro accada, cosa potrebbe fare lui? Rendersi partecipe di un cambiamento, rilanciare un idea, promuovere più integrazione cercare di realizzare la sua agenda politica e poi? Dovrà farlo con qualcuno non credete? E una volta finiti i suoi 5 anni , chi verrà?

Oggi si vota in Francia ma non è importante fare l’analisi del voto, o vedere per quali motivi Le Pen è avanti agli altri e Melenchon ha avuto un picco nei sondaggi dell’ultima settimana. Oggi è importante che i cittadini sappiano quali siano gli scenari per il loro futuro. E’ importante che sappiano di cosa si stia discutendo, che gli si interroghi e che loro stessi si informino accuratamente. Occorre rafforzare dove è debole la cultura politica di una società, promuovere l’attivismo civico dove manca, far capire alla gente che sì, i politici gli eleggono loro e a loro devono rispondere, ma la politica interna francese non ha conseguenze solo sulla Francia, non è più così e qui non si tratta di idee. E’ la realtà. Il mondo in cui viviamo, per fortuna, è questo.

C’è solo una cosa che io mi auguro che accada stasera una volta usciti i risultati. Che i cittadini francesi abbiano avuto il coraggio di prendersi la responsabilità delle loro azioni, che abbiano capito che di quello che oggi decidono ne dovranno rispondere quanto meno 500milioni di cittadini, un continente, un’unione politica.

 

 

 

 

 


Qui il link alla pagina dell‘ISPI

Il mio account di WordPress/Gravatar: riccardo_msc93
La fanpage di Point of View su Facebook: Pointofview500
Tutte le Info sul blog le trovate qui: info
Contatti e tutto quello che c'è da sapere di me: Contacts - About
Il mio account di Twitter: Riccardo_msc93
Il mio account di Instagram: riccardomsc
Il mio blog dedicato alle foto: Riccardo Moschetti

Per qualunque tipo di richiesta, la mia mail è: moschettiriccardo@yahoo.com
PointofView by Riccardo Moschetti

(Non) a Destra

Un anno un po’ particolare questo 2016. Come tutti, diverso dal precedente, ma sembra essere effettivamente più “pesante” degli altri. Tanti sono gli appuntamenti che ci aspettano in giro per il mondo: le primarie americane, in realtà in dirittura d’arrivo, e successivamente a novembre le elezioni presidenziali; tra meno di 30 giorni si vota per  il referendum sull’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea (aggiungerei l’elezione del sindaco di Londra, ma ci sono già state); le primarie francesi per il candidato da presentarsi l’anno prossimo per le elezioni presidenziali; e poi, beh poi i fatti di casa nostra: comunali nelle città più importanti d’Italia, il referendum costituzionale di ottobre. Tante date, molto diverse tra di loro. O almeno così sembra. In realtà se andiamo in po’ più in profondità ci rendiamo conto che i problemi rilevati in un paese non sono poi così tanto diversi da quelli di un altro. Tutto sommato si tratta sempre delle stesse cose: uscire dalla crisi economica, garantire welfare e servizi, offrire standard di vita elevati. Il problema come sempre è come. Ancora una volta la politica comparata ci viene in aiuto. Ci garantisce prima di tutto una conoscenza adeguata per vedere se si possono comparare due realtà, e successivamente dati e informazioni (da elaborare) per poter capire se e quanto si discosti uno stato da un altro. E magari perchè. Partendo dal punto di partenza che, lo ripeto, non esiste uno stato benchmark. Ogni sistema politico deve essere, e deve, plasmare la società che regola. Ci sono regole nella scienza politica, ma non certezze che queste una volta messe in atto funzionino.

Partiamo dagli Stati Uniti. Tutti noi guardiamo agli Usa come una nazione leader del sistema globale economico, finanziario, politico. Non è più così. E non è colpa di Obama, o di Bush, o del terrorismo. Gli altri paesi (Cina, India in particolare) si sono evoluti e stanno per superare il gigante americano. La favola a stelle e strisce sta per concludersi. Non è detto che se ne aprirà un altra, alla fine se andiamo a guardare nella storia è sempre stato così. Non penso ci sia molto da preoccuparsi, certo è un fenomeno nuovo, incerto, complesso, difficile da prevedere e ancora di più da governare. Ecco perchè si parla di globalizzazione, di strutture sovra-nazionali. Così come è stato per gli Usa, tutti dovremmo cominciare a occuparci della questione cinese, o della questione indiana. Prima che qualcun’altro, magari con interessi personali, lo faccia. O che, ancora peggio, non lo faccia nessuno e sia troppo tardi. Ma concentriamoci  sugli Usa. Per loro è un anno decisivo, sono passati due mandati (il massimo previsto per un presidente) di Obama, ed ora bisogna eleggere il nuovo presidente degli Stati Uniti. L’uomo più potente del mondo. Una volta. Non perchè i candidati non siano all’altezza (anche se…), ma appunto, per i cambiamenti globali che ci sono stati. Le primarie americane sono iniziate qualche mese fa, e vedevano da una parte, per il partito democratico, la sfida tra Bernie Sanders e Hillary Clinton. Dall’altro lato, con un po’ di confusione, si sono presentati circa 5 candidati: Donald Trump, John Kasich, Ted Cruz, Marco Rubio. Ci sono già delle novità. Prima di tutto, Sanders. Socialista dichiarato, senatore di un paesino disperso nel nord-est. Ha saputo da subito mettersi in gioco. La sua strategia è stata chiara fin da subito, una politica completamente diversa, fatta di mea culpa, critiche ma soprattutto di chiarezza. Sanders ha parlato, e ancora lo fa, ai suoi elettori in maniera aperta, distanziandosi ogni tanto dal quel politically correct che un presidente dovrebbe avere. Si schiera apertamente contro la sua concorrente, e spesso contro le scelte del suo partito. Non una cosa che accade ogni giorno all’interno del partito democratico americano. Chi lo vota? I giovani. Sembra uno scherzo ma è la realtà. Giovani che non hanno vissuto la guerra, che non hanno vissuto il “new deal”, che non hanno vissuto la guerra fredda. Nati negli anni del terrorismo, delle inutili guerre in medio-oriente. Con un futuro distrutto da chi ha commesso errori irrimediabili ne ora ne mai. Lo votano perchè NON è Clinton, perchè NON ha a che fare con una certa corrente del partito, perchè NON ha niente da perdere. Forse una delle migliori strategie elettorali di sempre. Dall’altro lato, c’è lei. Hillary Clinton. La Clinton in realtà non ha deciso come muoversi per la campagna delle primarie. Non poteva fare altro se non giocare l’unica sua carta. Il suo cognome. Avendo tra l’altro già un precedente (sfidò Obama, perdendo) non solo è conosciuta molto più del suo avversario, ma sembra voler dare l’idea di rivincita, che per il patriottismo americano è un acceleratore incredibile. Si muove bene e infatti non solo gli immigrati, quasi tutti, di quasi tutte le età votano per lei, ma anche le middle-class bianche cominciano ad apprezzarla. Ormai i giochi sono quasi fatti, sarà lei la candidata del partito, ma la scollatura di voti che, ancora, Sanders riesce a rubarle non può essere sottovalutata. Soprattutto per il fatto che alcuni elettori di sinistra, la Clinton non la voteranno a prescindere. Sarebbero voti persi insomma. Nei ragionamenti elettorali va considerato anche questo, si rischia così di candidare “il meno peggio”. Scavalchiamo l’inesistente centro del sistema politico americano (ho già detto che personalmente non lo apprezzo?) e entriamo nelle faccende del partito repubblicano. Qui le cose sono molto più complesse. Non solo per il numero (un po’ troppo elevato forse) dei candidati, ma per le innumerevoli novità. A parte una, Jeb Bush. Il fratello di George W., figlio di George H. Insomma, lui. Ha resistito meno di un mese. Primo silurato dagli elettori. Prima novità. Degli altri candidati che dire, abbiamo due repubblicani con origini ispaniche, un outsider e poi lui, Trump. Il miliardario, neo-eroe nazionale, che stravolge tutto. Vince stati già dall’inizio. Nessun competitor sembra poterlo impensierire. Lui va avanti, offende ai suoi comizi gli avversari, usa frasi forti schiaffate in prima pagina il giorno dopo, l’uomo solo contro tutti. Il suo stesso partito comincia a preoccuparsi quando la sfida tra Marco Rubio e Ted Cruz sembra avvantaggiare ancora di più Trump. E così è in effetti. Se fossimo in Europa diremmo che Trump è il populista per eccellenza. Ma non è del tutto così. Tutti i candidati repubblicani sono stati un po’ più “di petto” dei candidati democratici. Devono rappresentare l’orgoglio americano, la ricchezza del paese, la mano forte. E Trump questo lo fa così bene che partendo dalle classi povere e con poca istruzione comincia a raccogliere voti anche grazie alle sue uscite scomode. Cavalca la stampa, va contro il partito. Insomma uno che vince e che lo fa senza neanche scomodare troppo il suo immenso impero. Trump è quello che tra i repubblicani sta spendendo di meno per la campagna elettorale. Semplice, efficace. Chiunque lo idoli come “il nemico” sbaglia a prescindere perchè quella è la sua tattica. Avere nemici da sconfiggere. Anche qui, in realtà le cose sono già certe da un po’, sarà lui a sfidare la Clinton a novembre. Vedremo cosa accadrà nell’estate. Prima di concludere questo piccolo riassunto, ci tengo a sottolineare una cosa. Ricordiamoci che il presidente degli Stati Uniti non ha poteri. E’ il congresso che approva le leggi, è nel congresso che si fa la politica o ancora prima nei singoli stati. Oltre ad essere capo dell’esercito, e comunque le sue decisioni devono essere approvate dal congresso, non ha voce in capitolo nell’agenda legislativa. Anzi, rischia spesso di essere messo in minoranza, come accaduto con Obama. Insomma, è giusto dare il giusto peso alle cose.

Facciamo una nuotata di 6000km e approdiamo in Inghilterra. Qui le cose sono più complesse. David Cameron, primo ministro conservatore, ha giocato la sua intera campagna elettorale sulla questione “rinegoziazione”. Come se tra Gran Bretagna e Unione Europea ci fosse un contratto. La cosa non è nuova, già nel passato ci sono state diatribe sull’adesione o meno della Gb in Europa. Seguite poi dalla rinuncia a entrare nell’eurozona. Anche qua, il passato che si rifà vivo. Cameron ottiene il “nuovo” accordo con l’Ue e indice un referendum sull’uscita o meno dall’Ue. La “brexit”. Ora, volendo si potrebbero leggere articoli su articoli, confrontare grafici su grafici, previsioni su previsioni. Ma nessuno realmente sa cosa accadrebbe non tanto alla Gran Bretagna stessa, ma piuttosto all’Europa intera se il “leave” superasse il 50%. I sondaggi sono altalenanti e poco affidabili. Ci si aggira su uno scarto di circa il 7% tra Sì e No. Ma si sà, l’ultimo mese è quello decisivo. Sorvoliamo su quanto accaduto e sul perchè di questo referendum, principalmente voluto per rafforzare la forza del PM, ora rischia di ritorcersi contro. Quello che c’è da valutare ora come ora è la scelta. La scelta di mettere in discussione un passaggio di tale importanza, di lasciar scegliere i cittadini. Non tutti l’avrebbero fatto. A prescindere da come andrà, questo referendum sarà una botta di novità e di partecipazione politica nella terra d’oltre-manica. Farà bene alla democrazia, e a chi vi partecipa. A scapito di tutti quelli che, ancora una volta, staranno a guardare. La cosa che, per esempio in Italia, ma non solo, sembra non essere ben chiara è la convergenza di idee tra una parte dei conservatori e dei laburisti sul netto Sì al referendum. E’ il caso del neo-eletto sindaco musulmano di Londra Sadik Khan e Cameron. Rappresentanti di due opposti posizioni partitiche ma d’accordo sulla linea di voto. La politica che guarda al bene dei cittadini insomma, che non ha paura di essere messa in discussione, che può contare su una società in grado di scegliere il meglio per se stessa. Il paradiso in terra. Quasi.

Veniamo alla notizia del giorno. Oggi si sono conclusi gli scrutini per le presidenziali in Austria. Vincono i Verdi con uno scarto di meno dell’1%. Che dire, prima di tutto uno scenario che rivela più che la crescita dei partiti di destra, la difficoltà dei partiti come socialdemocratici di rappresentare un paese federale come l’Austria (questo tra l’altro è accaduto anche un mese fa durante le elezioni dei Lander tedeschi). La disaffezione a una “certa” politica, è globale. Non conosce confini. Poi, certamente, va segnalato il risultato sfiorato dell’estrema destra. Tutto questo comunque, va sottolineato, non è un caso. Il sistema semi-presidenziale prevede tutto questo, e lo fa anche bene. Per le presidenziali, così come per l’elezione della camera, ci sono due turni nei quali gli elettori sono chiamati al voto. Successivamente alla scrematura del primo turno, vanno al ballottaggio i due candidati più votati e li sì che ci si gioca tutto. Nel secondo turno del semi-presidenziale la politica esce allo scoperto: c’è chi dice apertamente di appoggiare un candidato piuttosto che l’avversario, chi cerca accordi già post-elettorali, conscio di aver già perso. Chi cerca di salvare il salvabile. Tutto a favore della democrazia e della partecipazione dei cittadini alla scelta del loro presidente (e capo dello stato). Il semi-presidenziale ha funzionato anche questa volta, perchè è un sistema che rende molto difficile ai partiti posizionati “fuori” asse, o oltre sinistra/destra a vincere le elezioni. Inoltre da il giusto peso ai partiti, ovvero tutti quelli che non sono andati al ballottaggio hanno voce in capitolo ma dipenderà dal loro bacino di voto disponibile verso uno dei due candidati, ad essere presi in considerazione. Potere di negoziare sì, ma la scelta spetta ai partiti maggiori.

Un’altro sistema semi-presidenziale si avvia ad una lunga campagna elettorale. Il sistema semi-presidenziale per eccellenza. La Francia. Ci si gioca in questa lunga estate la partita delle primarie dalle quali usciranno i candidati alle presidenziali che si terranno esattamente tra un anno. I candidati però non sembrano aver compreso la richiesta di novità dei cittadini francesi. Di fatti, sia Hollande, tutt’ora presidente, e Sarkozy, sono in lotta con il loro partito per la riconferma a candidato. Le condizioni socio-economiche della Francia non sono delle migliori, fatica a uscire dalla situazione stagnante della crisi che l’ha colpita gravemente e l’asse franco-tedesco spesso viene messo in discussione e criticato dagli altri attori politici. Prima di tutto dal FN di Marine Le Pen. Da non sottovalutare in quanto al primo turno delle regionali ha fatto tremare un po’ tutti. Tant’è che i socialisti in alcuni casi non sono neanche arrivati al secondo turno, o dovendo addirittura cancellare la loro candidatura. Di nuovo, il semi-presidenziale ha garantito uno scudo ai partiti estremisti. L’ultima volta ha vinto Hollande con uno scarto di meno del 5% dei voti. Per il 2017, staremo a vedere. Certo, se questi dovessero davvero essere i candidati, la vera vittoria sarà non far vincere la LePen. D’altronde, il nemico del mio nemico, è mio amico. Questo è il semipresidenzialismo, questa è politica.

Veniamo in Italia. In realtà, grazie a Dio, a livello delle elezioni comunali, anche noi ci siamo dotati di un “semipresidenziale”. Da quando il sindaco è eletto direttamente dai cittadini, ci sono appunto due turni con una soglia piuttosto grande da scavalcare per essere eletti subito. Il sistema elettorale direi migliore che abbiamo in Italia per le elezioni sostanzialmente più sentite dalla cittadinanza. Il sindaco è una delle poche figure politiche che non soffre criticamente di delegittimazione e sfiducia. Per ora.  Da noi a giugno si voterà nelle città più popolose della nazione. Roma, Napoli, Milano, Torino, Bologna, Trieste etc… Inutile dirlo, per i partiti l’appuntamento del 5 giugno sarà più che una tornata elettorale comunale. Servirà a capire lo stato dei loro elettori a metà legislatura, servirà ad avere (a grandissime linee) una visione di come potrebbe andare il referendum costituzionale di ottobre, dopo la “scomoda” data del referendum di aprile. E poi, last but not least, servirà a eleggere il sindaco di quelle città. Roma sembra essere la piazza più sotto la lente d’ingrandimento. Non solo in quanto capitale, ma per come si è arrivati a queste elezioni. Il caso Marino, mafiacapitale, una città che sembra ingovernabile. Più o meno la rappresentazione della situazione generale del nostro paese. Per la corsa al campidoglio è in vantaggio (dicono i sondaggi) il M5S, inseguita dal Pd. La destra? Diciamo che la storia del candidato di destra (che comunque non esiste) a Roma è piuttosto buffa. Si è passati dall’asse Lega-Forza Italia alla rottura, al riappacificamento alla ri-rottura ad un accordo che non accentata nessuno se non gli avversari. Il Partito democratico che dire, se dovesse vincere porterebbe a casa un risultato a dir poco straordinario, dopo quello che è successo vincere la capitale sarà molto complicato. Tra i due litiganti, il terzo gode. Alla fine la politica come vedete è più semplice di quel che si creda. Le previsioni danno qualunque candidato sotto la Raggi al secondo turno. Sebbene il suo distacco si sia molto ridotto dopo le diatribe Livorno e Parma all’interno del MoVimento. Nelle altre città la sinistra sembra essere in vantaggio quasi su tutte. A Milano, altra grande città tenuta sotto osservazione dalle segreterie centrali, sembra divisa tra Sala e Parisi. Due candidati “extra-partitici” ma in grado di saper ben compattare gli elettori. Sembra il campo politico più amichevole nel quale non solo confrontarsi ma giocarsela fino alla fine. Le loro storie sono però diverse. Sala, il candidato che tutti conoscono (prima qualità per potersi davvero giocare un posto a sindaco) e poco affiliato al Pd (che di questi tempi sembra essere un fattore positivo); contro Parisi, il candidato che fa appacificare tutta la destra. Questo per l’appunto è il problema. Ad accontentare tutti, si finisce per non accontentare nessuno.

Che manca…il referendum di ottobre. Quello che (non) elimina il Senato. Dopo le frecciatine sul referendum, tutte in casa del Pd, sulle trivelle, si volta pagina e si comincia a (non) discutere sul prossimo. Ancora una volta si rileva una società in disaffezione alle scelte della politica anche quando questa è chiamata dire la sua, e soprattutto, una comparto mediatico malato che non fa altro che assecondare tutto tranne che il dibattito nel merito.

Nella speranza di poter commentare i risultati di questi appuntamenti, e tanto altro, con voi non posso fare altro che dire staremo a vedere. Con una sola speranza, che vinca la democrazia. Informatevi, partecipate, fate valere la vostra idea. La democrazia è partecipazione.