(Di)nuovo

L’8 dicembre 2013 Matteo Renzi partecipava per la seconda volta alle primarie del Partito Democratico. Quella volta vinse. Oggi, il 30 aprile 2017, dopo essersi dimesso, viene rieletto Segretario del Pd. Nel mezzo, un Governo, le dimissioni, i fuoriusciti.

E’ questo il riassunto della giornata di oggi. Matteo Renzi si riprende il posto che lui stesso ha lasciato. Sebbene in calo, circa 2 milioni di persone hanno partecipato oggi alle primarie dell’unico, è giusto sottolinearlo, partito che rispetta canoni di democrazia interna facendo scegliere ai cittadini, anche non iscritti, il proprio candidato per una posizione. Sembra non essere cambiato poi così tanto dal quel lontano 4 dicembre 2016, quando dopo che i primi dati uscirono, l’ex premier si dimise, come promesso. Non è però riuscito a dire basta alla politica, non se n’è “andato”. Per fortuna.

Non c’erano avversari dal mio punto di vista, a queste primarie. Il motivo principale della candidature del Ministro della Giustizia Orlando è stata quella ufficiale di “Sono l’unica alternativa per tenere il partito unito”. I fuoriusciti ci sono stati, e Renzi ha vinto lo stesso. Per non parlare di Emiliano, nessun appoggio da nessuna sponda, non pervenuto infatti nei risultati; quasi ovunque non arriva nemmeno al 8%. Le loro idee? Le loro agende? Poco credibili. La battaglia di consenso all’interno del Pd non c’è stata, è molto probabile che chi ha votato No al referendum del 4 dicembre oggi abbia votato proprio Renzi piuttosto di non votare Emiliano, o piuttosto non andarci proprio a votare. Qualcuno potrebbe dire “il Governo è rimasto lo stesso”, “lui non se n’è mai andato”, “il partito non è con lui”. Che dire, ognuno è libero di dire la propria idea.

E adesso? Paolo Gentiloni è sereno? Adesso Renzi e il Pd dovranno scalare la montagna grillina. Quella che loro stessi hanno costruito in questi mesi di, discutibili, dibattiti interni e congressi. Nel frattempo un Governo e una maggioranza sono andati avanti a governare il paese, attuando, più o meno, l’agenda lasciata precedentemente. La domanda sorge spontanea, era veramente necessario? Davvero Renzi doveva dimettersi? Ma soprattutto, tutti quelli che “Io voto No così se ne va a casa” (fuoriusciti inclusi), ora cosa staranno mai pensando? Si dice che in Italia i cittadini vengono poco spesso ascoltati, che non gli viene data possibilità di scegliere. In sei mesi si sono potuti esprimere due volte sullo stesso personaggio, per questioni differenti, ma la sostanza non cambia. A quanto pare il maggior problema delle arene politiche nazionale odierne, è l’elettorato, lo vediamo in una complessiva decadenza dei partiti di centro-sinistra in Europa. Un elettorato che (quando) vota, sceglie un soggetto, non un partito; una persona non un programma. E quando gli viene proposto il contrario, si rifugiano in altri porti, poco esplorati tra l’altro. Le elezioni di febbraio saranno dominate dalla nuova frattura sociale che i partiti in tutta Europa sembrano cavalcare con decisione? Pro o contro l’Europa ? Onestamente, ci sono poche alternative, i partiti oggigiorno si scontrano molto poco in tante questioni e tanto in un utopico futuro. E questo, che vinca uno o l’altro, non fa bene alla democrazia.

Il Pd per vincere dovrà dire la verità, il futuro è ambiguo e oscuro, ma non ci sono altre alternative che andare avanti. Insieme.

SCISSIONE

Ho voluto aspettare un po’ prima di dire la mia, prima di tutto perchè la questione non era chiara nemmeno agli interessati, e anche perchè una mia opinione chiara e certa forse ancora non ce l’ho.

Quando Matteo Renzi disse “Se perdo il referendum, smetto di fare politica” il risultato fu segnato. L’errore più grande dell’ex Presidente del Consiglio fu quello di dimenticarsi il sistema politico nel quale lui stesso operava. E tutto sommato non è errato dire che dopo due anni non resta quasi più niente dell’esperienza di Renzi a capo del Governo. La legge elettorale è stata modificata dalla Consulta, il referendum non è passato, la riforma sulla PA è stata gravemente ritenuta illegittima ancora dalla stessa Consulta e ora anche la sua linea di partito sembra ritorcersi contro. Il percorso politico di Renzi è durato due anni, la media, a rialzo, della durata di un Governo nel nostro paese del resto. Dunque non mi sento di dire che ci sia qualcosa di straordinario nella gestione dell’ex sindaco di Firenze. C’è stato un momento nel quale sembrava che potesse veramente cambiare alcune strutture cardini della politica in Italia. Ma poi si è dovuto scontrare con la dura realtà nella quale viviamo costantemente. Impreparato? Maleducato? Ignorante? Io non credo, semmai direi sognatore. Così tanto, che viveva più nel mondo reale.

Mi ha colpito una parte molto breve del discorso di Renzi, domenica scorsa all’Assemblea nazionale del PD, quando disse “Mi sono chiesto cosa vuol dire fare politica […] E a chi appartiene il potere nel PD”. Eh già, alla fine finiamo sempre lì, si tratta di una delle cose basilari della gestione della cosa pubblica, eppure, dipende in che posizione ci si trova, a volte la si margina a volte la si reclama. Il popolo. C’è un elettorato che ha votato alle primarie, e ha eletto una certa classe politica per il suo partito. Perchè dunque tante questioni? Quando finirà il mandato di questa segreteria chi non è d’accordo o chi non si sente rappresentato voterà per un altro segretario. Giusto? E ancora, chi ha deciso che bisogna fare una scissione? Se la maggior parte degli iscritti è contraria, con che diritto si scinde un partito, con che potere? E soprattutto, chi è stato eletto col PD e ora ne esce, dovrebbe dimettersi?

Tanta, tantissima confusione, questo crea una scissione. Io ho cercato di chiedermi il perchè. Posso trovare sicuramente delle motivazioni, posso non condividerle, ma ci sono è inutile negarlo. Quello che non capisco è perchè ora. Perchè all’interno del PD si facevano comitati a favore del Sì e del No? Non era forse quello il momento della scissione? O forse in quel momento faceva comodo utilizzare la base del primo partito nel paese per dire la propria opinione? E mi chiedo anche, una scissione per cosa? Creare un gruppo parlamentare di circa 40deputati che comunque sosterrà il Governo. Che è del PD. Per fare campagna elettorale mi è venuto in mente; ma poi mi sono detto, ma come? Ma se tra i fuoriusciti la maggior parte non le voleva nemmeno le elezioni anticipate? Ricordate Bersani? “Io da qui non me ne vado, il PD è casa mia, l’ho fatto io. Io combatto dentro”. Lo stesso Bersani che perse le elezioni e la segreteria nel 2013. Dunque con che potere fa tutto questo?

Io non conosco le correnti, e il loro potere all’interno del Partito Democratico, tanto meno il giro di ruoli che spetterebbero in caso di possibile vittoria di piazze più o meno importanti. Io parlo da iscritto al PD. E non vedo nessun senso di una scissione. Non serve. Non porta a nulla. Mi faccio una semplice domanda e mi chiedo: se una cosa non porta risultati positivi, o quanto meno più positivi della situazione precedente, perchè farla?

Non conosco le diatribe interne la PD, non conosco l’opinione di tutti all’interno del mio partito. Ma conosco la politica, conosco l’arena nella quale i partiti competono per il potere. E da quello che sò, un PD con una parte in meno, o due, tre, quattro partiti di centro-sinistra, magari poi pure coalizzati in un unica lista giusto per rendere il tutto ancora più ipocrita, non porterà a nulla di positivo. Al momento non esiste una forza politica forte, unita. O meglio, esiste un Movimento, dove qualcuno decide per tutti. E allora, li sì che per forza le cose funzionano. O sei d’accordo o te ne vai, è semplice no? Semplice, ma non democratico.

Il PD democratico lo è per nome, per statuto, e nella realtà. E lo dimostra. Sempre.

Il PD è così democratico da permettere che qualcuno al suo interno, una minoranza, distrugga l’unico possibile partito di centrosinsitra che al momento possa competere per il potere nell’arena politica nazionale e internazionale. Dividere una comunità. Competere contro se stessi.

Io a tutto questo, un senso ancora non riesco a trovarlo. Ma sia chiaro, Bersani, D’Alema, Speranza, e chiunque voglia farlo è sempre stato, lo è ancora, e sempre lo sarà, libero di andarsene. Ma non porterà via neanche un pezzettino di quel “Democratico” di cui il  PD è fatto. E come loro sono liberi di andarsene, Matteo Renzi è libero di candidarsi alla segreteria. Forse lui non ha capito nulla di politica, e non sa fare il suo mestiere, forse ha mentito quando ha detto che avrebbe smesso e  forse fa del male al suo partito stesso a continuare intransigente su questa linea. Ma c’è un modo in politica per capire tutto questo, e si chiama consenso.

Tutto il resto sono solo correnti.

 

 

Il mio account di WordPress/Gravatar: riccardo_msc93
La fanpage di Point of View su Facebook: Pointofview500
Tutte le Info sul blog le trovate qui: info
Contatti e tutto quello che c'è da sapere di me: Contacts - About
Il mio account di Twitter: Riccardo_msc93
Il mio account di Instagram: riccardomsc
Il mio blog e account di Tumblr dedicato alle mie foto: Uncharted


Per qualunque tipo di richiesta, la mia mail è: moschettiriccardo@yahoo.com
PointofView by Riccardo Moschetti