M’impegno per l’Europa

Tra le tante stranezze, o specificità, dipende dai punti di vista, che si notano di più oggigiorno relative all’Ue, sono le fazioni politiche in campo. Per stranezza intendo il fatto che si sia superato il livello nazionale del dibattito. E dunque non ci si scontri più il partito all’opposizione, la corrente interna, o il sindacato di turno. Sta emergendo una politica sovranazionale. Il problema di base, però è rimasto. L’arena politica esiste, questo è conclamato, è stata democratizzata (in parte), e ora si comincia a popolare di attori, influencer e società civile che dibatte, si confronta, pensa a livello europeo. Manca la cosa fondamentale. Manca il potere per il quale competere. Ovvero, una volta che un partito politico di uno stato membro vince le elezioni nazionali per dire, con un agenda strettamente pro-europa, che guarda alle sfide internazionali in chiave europea, che ci guadagna? Alla fine direte voi, quella dirigenza dovrà rendere conto ai suoi elettori mica a quelli europei, e dovrà governare quel paese, mica tutti gli altri 27 (per ora). Qui nasce l’intoppo. Non vi è competizione politica, non ci sono partiti forti, non c’è dibattito in ambito europeo perchè non c’è una posizione alla quale si aspiri. Le elezioni del 2014 hanno visto, anche per lo straordinario periodo storico nel quale tutt’ora dobbiamo confrontarci, uno scenario un po’ differente, è pacifico. E’ stato individuato precedentemente chi sarebbe poi andato a fare il Presidente della Commissione da parte almeno delle tre più grandi fazioni all’interno del Parlamento Europeo, vi era una bozza politica quanto meno firmata da tutti i partiti/individui che ve ne facevano parte e in campagna elettorale timidamente ci si rifaceva a colleghi d’oltralpi. E’ stata la politica a prendersi degli spazi che i Trattati formalmente non prevedono. E non è chiaro se debbano cominciare a prevederlo o se sia necessario un dibattito su quale sia il ruolo della politica a Bruxelles e quale sia, se esiste, il suo limite una volta che entra a contatto con le Istituzioni.

Potremmo interrogarci su infiniti aspetti: è corretto permettere l’iscrizione di cittadini europei ai partiti europei, o devono restare come entità alle quali i partiti nazionali si associano e dunque decidere, indirettamente, a quale famiglia fare parte? E’ il caso di discutere se sia arrivato il momento di uniformare le elezioni del parlamento attraverso un unica procedura, una legge elettorale europea, e se sì quale debba essere adottata (in quanto, ripeto, avere la maggioranza al parlamento non implica tout court avere un peso maggiore all’interno del processo decisionale)? Va cambiato il processo legislativo, gli organi che ne fanno parte, o va ripensato a come la politica (o le politiche?) possano influenzare l’agenda europea (sempre che ce ne sia una soltanto) ?Mi piacerebbe poter discutere ore di questi concetti, confrontarmi con teorie delle relazioni internazionali, modelli di integrazione, approcci della scienza politica, interrogare il diritto comunitario; ma il fatto è che stiamo bypassando tutto questo. Non è la priorità. Ora la priorità è sconfiggere il populismo.

Lo vediamo agilmente dando un occhiata a ciò che ci accade attorno. In Olanda Rutte, premier uscente, viene riconfermato ma perde consensi. I Verdi quasi superano i socialisti. Insomma, sia mai che il discorso dell’ “incanalare flussi elettorali di protesta” non funzioni anche al contrario, ovvero, voto lui perchè è l’alternativa è drastica e mi fa paura. Mi piacerebbe che gli elettori votassero per un partito perchè credono nella sua proposta, piuttosto, sarebbe lo scenario auspicabile. Non solo per coerenza, ma per una buona messa in pratica di una democrazia sana, che sa mettersi in discussione, che sa creare canali di partecipazione e garantisce che al termine della competizione elettorale ci sia un vincitore uscente che raggruppa il numero più alto di consensi. Impressione mia, questo non sta succedendo.

Tanto meno mi aspetto che questo accada in Francia. Va detto, in realtà è il sistema stesso che in questo caso lo prevede. L’ottimo semipresidenziale francese si basa soprattutto sul “meno peggio”, dunque al ballottaggio alle presidenziali l’elettore è forzato, ed oramai abituato, a fare questo tipo di ragionamento, anche se gli viene garantito un certo percorso elettorale (mi riferisco alla possibilità di doppio voto alle primarie, e dei due turni per l’Assemblea generale). Tutti gli occhi sono puntati sull’elezione del Presidente per Macron, il suo inaspettato consenso proveniente da una dialettica disintricata da logiche partitiche, la sua agenda spudoratamente europea e le sue larghe visioni che portano novità difficilmente non impressionano i francesi. Ancora più difficilmente fanno credere che l’alternativa ad una politica mediocre (dipende dalle opinioni) sia quella estremista della Le Pen. Sarà però interessante vedere quale maggioranza uscirà ad aprile perchè, forse nessuno ve lo ha detto, ma il Presidente della Francia deve vedersela con Primo Ministro. Una cosa chiamata Cohabitation potrebbe complicare parecchio lo scenario prossimo.

 

In Italia? In Italia le cose sono come sempre molto più aleatorie. Evitando di finire nel discutere del difficile passaggio politico che stiamo affrontando (quando mai ne abbiamo avuto un facile), ho voluto guardare un po’ oltre le linee. Il mese scorso a Milano è stato presentato il progetto politico, non saprei come altro definirlo, capeggiato da Benedetto Della Vedova, sottosegretario al Ministero degli Esteri, ex radicale, ex eurodeputato. Lui l’ha chiamato Forza Europa. Si tratta di un tentativo di unire le forze pro-Ue sul versante evidentemente positivo di quella che, piaccia o no, è una nuova linea di frattura sulla quale  elettori e partiti dovranno aver a che fare: stoppare il processo di integrazione europea, e fare marcia indietro, da un lato; continuare a cercare nuovi orizzonti per un Europa più efficiente, mettendo magari in discussione il percorso fin ora fatto, in vista di competere nel mondo che verrà; dall’altro. Mi è stato chiesto, molto brevemente, di farne un’analisi, un riassunto di quanto ho potuto vedere quel giorno dove erano presenti politici (da Rutelli a Monti, passando per Bonino), società civile (Gfe), e ,non scontato, rappresentanti di euro-partiti (Alde Italia).

Vi lascio qui sotto un estratto, e infine, il link all’articolo.

«L’Unione Europea è il più grande spazio civile di libertà, democrazia, diritti e tolleranza del mondo».  È la prima riga del documento che si può trovare sul sito di Forza Europa, a parte il nome, si tratta di una novità tout court. Soprattutto coi tempi che corrono.

[…] Da Forza Europa ne potremmo beneficiare tutti, una cittadinanza più interessata alla questione europea e meglio informata è capace di distinguere chi dice falsità da chi si batte per riformare la macchina europea; la classe politica potrebbe finalmente scontrarsi con la dura realtà che gli elettori chiedono, una politica nuova, che si occupi di questioni internazionali, che non si nasconda sul “ce lo chiede l’Europa”; una società civile che vede finalmente riconosciuto il suo impegno nel mobilitare i cittadini e incanalare la loro voglia di partecipazione e di novità nel nome di quella cittadinanza europea, che pochi sentono, e ancora meno sanno effettivamente di avere. Insomma Forza Europa va contro chi dice che senza si starebbe meglio, che da soli si andrebbe più veloci, che tornando al passato il futuro sarebbe migliore. […]

http://www.gfeaction.eu/news-feed/108-forza-europa.html

 

 

 

 

 

 

Il mio account di WordPress/Gravatar: riccardo_msc93
La fanpage di Point of View su Facebook: Pointofview500
Tutte le Info sul blog le trovate qui: info
Contatti e tutto quello che c'è da sapere di me: Contacts - About
Il mio account di Twitter: Riccardo_msc93
Il mio account di Instagram: riccardomsc
Il mio blog e account di Tumblr dedicato alle mie foto: Uncharted


Per qualunque tipo di richiesta, la mia mail è: moschettiriccardo@yahoo.com
PointofView by Riccardo Moschetti
Annunci

Autore: riccardo_msc93

Class 93, stronger supporter of rationality. Federalist, political animals. Student by choice, Bac in Technique of informatics business administration, graduated in Political science, now postgraduate student in International Relations at University of Turin. Writing, reading and interested in politics, economics and society. Ph for passion. Looking for new large issues, trying to surprise me. Again.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...