Smemorati

 

La settimana che si conclude ha del paradossale. Per fortuna, non manca mai materiale per parlare  un po’ dei fatti che sono accaduti, di questioni bizzarre e strani avvenimenti. Ma diciamocelo, sarebbe meglio morire di noia.

In questa settimana si è celebrata, come di routine, la giornata della memoria, e come di routine, sempre meno persone se ne sono rese conto. Una in particolare evidentemente, non ha proprio capito il significato di “ricordare per non dimenticare”. Sarà stato un attimo di disattenzione, ma questa persona ha deciso che, siccome una gran parte dei terroristi appartiene ad alcune circoscritte nazionalità, il suo paese sarebbe stato più sicuro senza nessun cittadino del paese d’origine dei terroristi. Un po’ come quando la maestra puniva tutta la classe perchè uno l’aveva combinata grossa. Questo personaggio si chiama Donald Trump, neo-presidente degli Stati Uniti d’America. Ribadisco, a volte non vediamo le cose fondamentali: Stati UNITI d’America. Un paese che non ha cittadini. Un paese che non ha una cultura. Un paese che non ha una lingua. Gli USA sono diventati il più potente paese al mondo grazie alla loro forza di unire più cittadini, di vivere in una società multiculturale, di mettersi d’accordo pur parlando più lingue. E così come sono diventati egemoni attraverso questi caratteri, così smetteranno di esserlo. Nella settimana il loro presidente si è divertito ad emanare altre direttive immediate: come per esempio la scelta di tagliare i fondi alle ONGs che praticano l’interruzione della gravidanza; o quella di incontrare i Top manager delle case costruttrici d’auto per schierarsi dalla loro parte, (contro quella degli ambientalisti, contro il commercio internazionale, ritirando il paese dal TTP, accordo commerciale). Un piccolo dettaglio, a quel tavolo c’era anche Marchionne. Che non è americano. In tutto questo, non una parola sulle commemorazioni della Shoah. Si sarà dimenticato.

Ma veniamo a fatti nostri, in Italia non mancano certo cose da raccontare. In settimana la Consulta si è pronunciata sulla legge elettorale emanata dal Governo Renzi, che fino a 2 mesi fa era il nostro presidente del Consiglio (sembra opportuno ricordarlo a volte). Ha ritenuto incostituzionale una parte (il ballottaggio previsto dalla legge tra i due partiti, o liste, che avrebbero ottenuto più voti), ma ha ritenuto ammissibile il premio di maggioranza del 40% al partito/lista (lista, non coalizione) se raggiunto al primo turno. Via le pluricandidature. Per concludere la Corte Costituzionale dice “la legge è applicabile da subito”. Peccato che la Corte si è dimenticata di dire che con una legge del genere non vincerà nessuno. Bisognerà attendere per leggere le motivazioni della bocciatura del ballottaggio, ma , mi chiedo: è incostituzionale il secondo turno che avviene, e funziona bene, nei comuni? O in alcune leggi elettorali regionali? Che articolo della Costituzione, precisamente, dovrebbe ledere? Si vedrà. Sta di fatto che di Renzi rimane ben poco: niente Italicum, niente Referendum, niente Governo. Resta solo la memoria, ma quella bisogna saperla usare.

Una piccola riflessione in chiusura: Ma voi lo sapevate che Giorgia Meloni vorrebbe riattivare le relazioni con Putin, considerato un uomo forte che difende gli interessi nazionali? Qualcuno forse sì, ma sapevate anche che la Russia in questa settimana ha depenalizzato il reato di violenza contro le donne? Da penale ad amministrativo. Praticamente, se picchio una ragazza pago una multa. A me, non so a voi, ricorda tanto qualcosa.

A proposito di ricordare, sapete chi è il nostro presidente del Consiglio? Lo avete sentito dire qualcosa su cosa ne pensa di Trump, delle sue politiche, di Putin, delle primarie in Francia, dell’ “Hard Brexit“. Insomma, lo sapevate che Gentiloni è il primo ministro italiano? A me non sembra.

Sono successe tante cose questa settimana, dal mio punto di vista, una peggiore dell’altra. Non dimentichiamocele. Ma soprattutto, ricordiamo ciò che va ricordato.

Ah, quello in copertina è il primo ministro Canadese. Lui ha deciso di rispondere così alla scelta americana di chiudere il paese agli immigrati. (Il provvedimento comunque è al vaglio di alcuni giudici e politici che lo ritengono incostituzionale. E razzista).

 

Il mio account di WordPress/Gravatar: riccardo_msc93
La fanpage di Point of View su Facebook: Pointofview500
Tutte le Info sul blog le trovate qui: info
Contatti e tutto quello che c'è da sapere di me: Contacts - About
Il mio account di Twitter: Riccardo_msc93
Il mio account di Instagram: riccardomsc
Il mio blog e account di Tumblr dedicato alle mie foto: Uncharted


Per qualunque tipo di richiesta, la mia mail è: moschettiriccardo@yahoo.com
PointofView by Riccardo Moschetti
Annunci

Autore: riccardo_msc93

Class 93, stronger supporter of rationality. Federalist, political animals. Student by choice, Bac in Technique of informatics business administration, graduated in Political science, now postgraduate student in International Relations at University of Turin. Writing, reading and interested in politics, economics and society. Ph for passion. Looking for new large issues, trying to surprise me. Again.

5 thoughts on “Smemorati”

  1. Rieccomi! Del tuo post mi ha colpito in particolare questo passo:

    “Sapevate anche che la Russia in questa settimana ha depenalizzato il reato di violenza contro le donne? Da penale ad amministrativo. Praticamente, se picchio una ragazza pago una multa. A me, non so a voi, ricorda tanto qualcosa.”

    Ti confesso di non aver colto l’allusione. A cosa ti riferivi?

    Mi piace

    1. Trovo quanto meno curioso che una donna, neo mamma, a prescinedere da vicinanze politico/ideologiche pensi di poter intrattenere rapporti con un capo di stato che permette una cosa del genere. Mi fa riflettere perchè mi ricordano le prime leggi razziali, dove chi non le rispettava veniva inizialmente punito con ammende, poi arresti, poi detenzioni, poi morte. Il rispetto per il prossimo merita, da chi dovrebbe difendere l’ordinamento giuridico, più di un ammenda di carattere economico.
      P.S. E’ un piacere sapere che segui la pagina, ancora di più potersi confrontare.

      Mi piace

      1. Grazie a te della visita. Passo eccome, Silence per esempio non l’ho mai visto ma scrollando ho notato un interessante commento su Suicide Squat e mi è venuta voglia di vederlo per vedere se mi piace. Grandi, insolite, recensioni. A presto !

        Mi piace

      2. Contraccambio i complimenti: anche il tuo è un grande blog. E’ per questo che leggo e commento regolarmente i tuoi post, ed è per questo che ho deciso di darti un meritatissimo follow. A presto! 🙂

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...