Generation What

L’idea nasce da alcuni editori francesi occupati presso le sedi televisive di France Télévisions, Upian, e Yami 2 nel 2013, che partoriscono lo show “Génération Quoi“.Il progetto europeo viene poi ampliato ad un totale di 14 emittenti televisive presenti in 11 paesi europei (Germania, Austria, Belgio, Spagna, Irlanda, Lussemburgo, Olanda, Galles, Repubblica Ceca e Grecia);per l’Italia se ne occupa la Rai. L’idea è semplice, una serie di domane fatte ad un pubblico dai 16 ai 34 anni che poi possono consultare il “ritratto” del loro paese o confrontarlo con il resto d’europa. Più effettuano il sondaggio, composto da 149 domande, più possibilità si ha 1) di far accrescere il progetto; 2) di migliorare statisticamente la comparazione e la validità dell’esperimento. Tutte le informazioni sono presenti sul sito, rispondere è semplice e viene garantita la tutela della privacy, ovviamente.

Ho voluto dedicarci attenzione per l’enormità di “luoghi comuni” che consideriamo scontanti (tra noi italiani, e non solo) ma soprattutto per dare effettivamente peso a chi in questo continente, ci vivrà per molto più della maggior parte che lo governa. Si dice spesso che bisogna essere lungimiranti, pensare alle generazioni future, “lasciare così ciò che abbiamo trovato”. Buoni propositi, ma al momento non si vedono gran risultati al riguardo. La sola possibilità di dare ai ragazzi voce in capitolo va considerata positivamente, avvicinarsi a temi centrali della società non è semplice e spesso si perde di vista l’importanza di ascoltare anche chi crediamo non abbia nulla da farci imparare. Io leggendo e riportando qui sotto questi dati vedo un Europa completamente diversa da quella che leggo e sento nei quotidiani e nelle televisioni. Vedo dei ragazzi che hanno voglia di riprendersi ciò che è loro, che pensano al prossimo, che non vogliono commettere gli errori dei loro genitori. E scusate se questo è poco. La regola, per loro, per i 40enni, per gli anziani è sempre la stessa: non ci si interessa alla politica, la politica non si interesserà di te.

Note: Ho voluto riportare qui alcune delle domande su 6 macrotemi presenti nel questionario osservando i risultati di 4 paesi oltre il nostro: Francia, Germania, Spagna, Gran Bretagna. La scelta si giustifica per comparare l’Italia con i paesi più simili ad essa e per gradezza di popolazione. Ultimo, ma non per importanza, per questione di tempo, chi è interessato, è invitato dal sottoscritto a visitare la pagina per un’accurata visione dei dati.

Buona lettura.

Europa:

europa.PNG

Italia: Una costruzione necessaria 33%

Francia: Una costruzione necessaria 44%

Germania: Una costruzione necessaria 38%

Spagna: Una costruzione necessaria 39%

Gran Bretagna: Una costruzione necessaria 33%

europa 2.PNG

Italia: Non sono d’accordo 71%

Francia: Non sono d’accordo 73%

Germania: Non sono d’accordo 84%

Spagna: Non sono d’accordo 72%

Gran Bretagna: Non sono d’accordo 59%

europa 3.PNG

Italia: a tutti 34%

Francia: a tutti 43%

Germania:A tutti / Ai rifugiati di guerra 35%

Spagna: a tutti 47%

Gran Bretagna: a tutti 29%



Ricci e poveri:

poveri.PNG

Italia: Si 94%

Francia: Si 93%

Germania: Si 89%

Spagna: Si 94%

Gran Bretagna: Si 83%

poveri 2.PNG

Italia: Sono d’accordo 93%

Francia: Sono d’accordo 85%

Germania: Sono d’accordo 85%

Spagna: Sono d’accordo 93%

Gran Bretagna: Sono d’accordo 81%

 



Crisi economica:

crisi.PNG

Italia: Si 91%

Francia: Si 70%

Germania: No 50%

Spagna: Si 70%

Gran Bretagna: Si 65%

crisi 2.PNG

Hanno risposto “totalmente”:

Italia:  16%

Francia:  12%

Germania: 10%

Spagna: 22%

Gran Bretagna: 21%

crisi 3.PNG

Italia: Ok / Un po’ stretta 37%

Francia: Ok 42%

Germania: Ok 46%

Spagna: Ok 30%

Gran Bretagna: Ok 34%



Tutti corrotti:

 

corrotti.PNG

Italia: Si, alcuni lo sono 68%

Francia: Si, sono tutti corrotti 52%

Germania: Si, alcuni lo sono 68%

Spagna: Si, alcuni lo sono 47%

Gran Bretagna: Si, alcuni lo sono 54%

corrotti 2.PNG

Hanno risposto “per niente”:

Italia: 60%

Francia: 47%

Germania: 21%

Spagna: 44%

Gran Bretagna: 37%



Io e il lavoro:

lavoro.PNG

Hanno risposto “completamente”:

Italia: 5%

Francia: 9%

Germania: 9%

Spagna: 8%

Gran Bretagna: 13%

lavoro 2

Hanno risposto “completamente”:

Italia: 16%

Francia: 20%

Germania: 22%

Spagna: 21%

Gran Bretagna: 25%



Studiare?:

sticazzi.PNG

Italia: Sono parzialmente d’accordo 39%

Francia: Sono parzialmente in disaccordo 43%

Germania: Sono parzialmente d’accordo 39%

Spagna: Sono parzialmente in disaccordo 35%

Gran Bretagna: Sono parzialmente d’accordo 40%

mmt.PNG

Italia: Sono totalmente in disaccordo 40%

Francia: Sono parzialmente in disaccordo 50%

Germania: Sono parzialmente in disaccordo 44%

Spagna: Sono parzialmente in disaccordo 41%

Gran Bretagna: Sono parzialmente in disaccordo 40%



 

 

http://generation-what.rai.it/

Annunci

Autore: riccardo_msc93

Class 93, stronger supporter of rationality. Federalist, political animals. Student by choice, Bac in Technique of informatics business administration, graduated in Political science, now postgraduate student in International Relations at University of Turin. Writing, reading and interested in politics, economics and society. Ph for passion. Looking for new large issues, trying to surprise me. Again.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...